Avvistato nelle acque italiane il pesce scorpione. E scatta l’ALLARME

Avvistato nelle acque italiane il pesce scorpione. E scatta l’ALLARME

Incredibile avvistamento per la prima volta nelle nostre acque italiane, il temutissimo Lionfish, anche conosciuto come pesce scorpione ha fatto subito scattare l’allarme. Si tratta di una nota razza di pesci tropicali, conosciute come fra le più invasive e pericolose specie del mondo. Generamente si trova nel mar Rosso e negli oceani Indiano e Pacifico, e negli anni ’90 fu introdotto in Florida accidentalmente, ed ha invado tutto il mar dei Caraibi con importanti impatti sull’ecologia locale.

La specie è pericolosa sia per la biodiversità marina, essendo uno spaventoso predatore, ma anche per la salute umana. Infatti il Lionfish è dotato di parecchie spine velenose sul dorso, che si mantiene per due giorni anche dopo la morte del pesce. Una ferita da pesce scorpione può infatti portare facilmente a difficoltà respiratorie e disturbi gastroenterici, nonchè parestesie transitorie.

State molto attenti, fortunatamente non è ancora il periodo delle spiaggie affollate, ma in caso qualcuno dovesse essere punto, la prima cosa da fare è rimuovere le spine, disinfettare la zona e immergere in acqua molto calda. Infatti il calore riduce l’effetto della tossina, rendendola inefficace

 

Lo studio, pubblicato dalla rivista bioinvasion records, fornisce i dettagli di questa osservazione ricostruendo la rapida espansione geografica della specie nel mar Mediterraneo. “Considerata la potenziale invasività e pericolosità della specie, chiunque abbia catturato o avvistato un pesce scorpione è invitato a fare una foto e segnalare

FONTE: http://www.repubblica.it/ambiente/2017/03/27/news/avvistato_nelle_acque_italiane_il_pesce_scorpione_e_scatta_l_allarme-161555345/