CHIUSO Charlie Hebdo. Lo dice il giudice di Bruxelles.

Chiuso Charlie Hebdo. Lo dice il giudice di Bruxelles.

A policeman stands guard outside the French satirical weekly "Charlie Hebdo" in Paris in this February 9, 2006 file photo. At least 10 people were killed in a shooting at the Paris offices of Charlie Hebdo, a satirical newspaper firebombed in the past after publishing cartoons joking about Muslim leaders, French TV channel iTELE reported January 7, 2015 . France Info radio also said police had confirmed a toll of 10 dead and five injured. Reuters had no immediate official confirmation of deaths. Picture taken February 9, 2006. REUTERS/Regis Duvignau/Files (FRANCE - Tags: CRIME LAW MEDIA)

Chiuso Charlie Hebdo. Dopo le polemiche scatenate dalle vignette “satiriche” sul terremoto del centro Italia, e non solo, il giudice di Bruxelles Alvrios Porfischeitsh ha deciso di emanare una sentenza per direttissima provocando la chiusura del noto giornale di satira francese.

Le parole del magistrato sembrano a tutti inequivocabili: “Non si tratta di satira. Purtroppo devo prendere atto che, in momenti come questo, tutti i valori sono percepiti come altamente variabili. La gente sta molto male, e ironizzare su fatti tragici fa male al cuore dei cittadini. Devo dire che mi sono sentito quasi obbligato a decidere in tal senso, lo dico in quanto da sempre aperto illuminista e amante del pensiero francese tutto. Ma adesso, forse perché spinto da mille pressioni e incursioni esterne mi sono convinto della bontà della mia scelta. Forse un giorno, quando la crisi sarà finita e il clima sarà più disteso, potrò assegnare la riapertura di questo giornale irriverente, da sempre sopra le righe. Adesso non è il momento. Per questi motivi, seguendo l’art. comma 2 della Costituzione internazionale del Parlamento europeo, dispongo la chiusura a tempo indeterminato del giornale francese fino a data da comunicare previo sentenza ultima del processo causale. Così è deciso”.

Parole e riflessioni dure quelle del giudice tedesco ma che fanno pensare al clima tesissimo di questi giorni. E chissà come sarà recepita la notizia dai media italiani e internazionali.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.

Dai anche un’occhiata alle nostre pagine su Facebook e su questa Pagina.

loading...