Decisione shock dall’Europa: in pensione a 76 anni.

Decisione shock dall’Europa: si va in pensione a partire dai 76 anni.

anziano-Shutterstock_resized

Arriva in serata un annuncio clamoroso che farà tremare tutti i signori vicini alla pensione: il parlamento europeo ha stabilito che si potrà andare in pensione solo a partire da 76 anni, a prescindere dai contributi versati. La legge, che segue la direttiva di riforma pensioni e lavoratori secondo l’art. 287/89 c.p., è stata a lungo studiata dalla commissione europea tributaria di affari economici internazionali, e si inserisce nella norma più complessa del progetto “salva-euro”.

“Siamo in una situazione di forte collasso economico. La crisi, che credevamo finita, in realtà sta tornando più forte di prima. Dobbiamo intervenire con forza, ora. E l’unico modo per farlo è intervenire sulle pensioni” così il vicedirettore della BCE Dominiko Perfeco che prosegue “Qual è stato il nostro ragionamento? Molto semplice. La prima cosa da fare è tagliare la spesa pubblica. Per fare questo è necessario che vi siano soldi per pagare gli stipendi dei giovani appena affacciatisi sul mondo del lavoro che, troppo spesso, sono vessati, sottopagati, ipersfruttati. Allora abbiamo deciso di puntare su chi il lavoro già ce l’ha, basterà un ultimo sforzo da parte della vecchia generazione per meglio facilitare le cose ai giovani e giovanissimi. Si tratta di un atto dovuto nei confronti di questa massa di persone, qualificate, che non riescono a trovare quasi mai nulla di stabile e sicuro. Non bisogna avere paura delle novità, anzi è bene guardare in faccia la realtà. Purtroppo siamo in un vicolo cieco: o si fa così o l’Europa è fregata per i prossimi 100 anni”.

Ovviamente la legge ha già destato mille polemiche. Il senatore Manuele Porcinio si è detto contrario al provvedimento: “Sono contro. Come può una persona eseguire un mestiere a 75 anni? Ma basta, pensiamo a combattere l’evasione fiscale”. In verità, per ora, dalla parte opposta non si ancora smosso nessuno. La legge, calata da Bruxelles, pare sia vista di cattivo occhio anche da tutti gli altri Paesi dell’eurozona.

Dai anche un’occhiata alle nostre pagine su Facebook.

Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso il modulo contatti,

gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche ore dal tuo invio!

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo o lascia un commento sotto, e facci sapere cosa ne pensi!

Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati!

Buona Visione! Grazie a tutti voi lettori e fateci sapere cosa ne pensate!

loading...