Trova un SISTEMA per fregare i soldi all’INPS e Diventa Ricco.

Trova un SISTEMA per fregare i soldi all’INPS e Diventa Ricco.

maxresdefault

Si chiama Mirko Impedenza e il suo video fa scandalo in rete. Il ragazzo in questione, ventotto anni dalla provincia di Lecco, ha infatti trovato un sistema in grado di far erogare dall’INPS una cifra che si aggira attorno ai 530mila euro e non soddisfatto di questa truffa-legale ha deciso di vantarsene su YouTube.

In una sua dichiarazione alla nostra redazione il ragazzo ha ammesso “Sono un grande appassionato di tecnologia, programmazione e più in generale di informatica. Ho iniziato a lavorare su questo algoritmo nel 2012, e oggi a circa tre anni dall’inizio dei lavori posso ritenermi soddisfatto del mio lavoro”. A leggere queste dichiarazioni si potrebbe pensare ad uno dei tantissimi programmatori freelance che hanno finalmente messo a punto una app per smartphone o un software in grado di rivoluzionare le nostre vite, ma in realtà si tratta di un sistema truffaldino che nel giro di circa un mese ha portato nel conto corrente del ragazzo la bellezza di cinquecentotrentamila euro. E come ad ogni danno segue anche una beffa, e che beffa! I fondi ai quali il “furbetto” ha messo le mani sono assegni destinati ai pensionati italiani che ora, specialmente nei comuni di Lecco, Como e Sondrio rischiano di vedersi recapitare assegni pressochè prossimi allo zero, a causa di questo grave ammanco che si perpetra da oltre quattro mesi; Già, perchè facendo un rapidissimo calcolo la previdenza sociale ha stimato in oltre 2 milioni di euro le somme che questo simpatico ragazzo brianzolo ha prelevato dalle casse dello stato. E come se non bastasse ci si mette anche un cavillo burocratico che di fatto rende tutto ciò legale de facto. I vertici del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali stanno da mesi tentando di bloccare l’accesso ai fondi a questo ragazzo, ma attualmente non sembra esserci alcuna soluzione.

E’ intervenuto a riguardo il dott. Alessio Baroni Zanna: “Questo sistema è una vera e propria truffa. Ciò che lo rende legale è il fatto che il ragazzo è riuscito ad associare al suo conto corrente tutti i versamenti che spettano a molti pensionati italiani, come se lui ne fosse il delegato alla riscossione. Stiamo lavorando per bloccare tutto ciò ma per ora non sembra esserci soluzione, se entro due settimane non riusciremo a mettere un freno a questa perdita saremo costretti ad una manovra straordinaria per far rientrare nelle casse dello stato l’ammanco in questione che attualmente è di più di due milioni di euro, ma è destinato ad aumentare”

Omar Di Sannio

Dai anche un’occhiata alle nostre pagine su Facebook.

Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso il modulo contatti,

gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche ore dal tuo invio!

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo o lascia un commento sotto, e facci sapere cosa ne pensi!

Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati!

Buona Visione! Grazie a tutti voi lettori e fateci sapere cosa ne pensate!

loading...