Ultim’ora RUSSIA – USA, è Terza Guerra Mondiale, Il PRESIDENTE RUSSO HA DICHIARATO…

L’esercito americano ha lanciato 59 missili Tomahawk da due cacciatorpediniere della marina contro una base aerea di Shayrat, nel centro della Siria, da dove si sospetta sia stato lanciato l’attacco chimico contro la cittadina di Khan Sheikhoun. Così gli Stati Uniti hanno trasformato in realtà quel “vedrete” pronunciato da Donald Trump, dopo l’attacco con armi chimiche del governo di Damasco a Idlib, provincia in mano ai ribelli. L’impatto dei missili al suolo è avvenuto intorno alle 20.45 ora di Washington (le 2,45 in Italia), mentre a Damasco erano le prime ore del mattino. “Un’aggressione irresponsabile”, ha replicato il presidente Bashar al Assad, a cui “la Siria e i suoi alleati risponderanno in maniera appropriata“, ha aggiunto il suo consigliere politico Buthayna Shaaban, assicurando anche che “il coordinamento tra Damasco e suoi alleati – Russia e Iran – continua”. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu terrà una riunione di emergenza alle 17.30 italiane. IL Pericolo di una guerra, è imminente.

LE TENSIONI – Dopo l’attacco di stanotte,con l’intervento anticipato dagli Usa sia alla Nato, sia alla Russia, i rapporti tra Mosca e Washington si sono inaspriti. Il Cremlino ha parlato di “aggressione a uno stato sovrano”. Durissima la reazione di Putin. “Questo passo di Washington arreca un danno notevole ai rapporti russo-americani, che si trovano già adesso in uno stato deplorevole”, ha detto questa mattina il portavoce del Presidente, Dmitri Peskov. “La cosa più importante secondo Putin – ha aggiunto Peskov – è che questo passo non ci avvicina all’obiettivo finale della lotta contro il terrorismo internazionale e crea invece un ostacolo serio alla creazione di una coalizione internazionale per lottare contro di esso in modo efficace”. Per il presidente russo l’attacco era già deciso, la strage di bambini di Idlib “solo un pretesto”.

loading...